Rayna ha lasciato i Coal Chamber

Rayna ha lasciato i Coal Chamber
Dopo quasi otto anni (quasi) sempre al loro fianco, la bassista Rayna Foss-Rose ha lasciato i Coal Chamber. Rayna, un tempo tra le presenze fisse del settimanale rock britannico "Kerrang!", ha affermato che per lei si è trattato di una decisione molto sofferta, ma che è giunto il momento d'occuparsi più attivamente di sua figlia Kayla, avuta dal marito Morgan Rose, batterista dei Sevendust. La bimba ha due anni. "La famiglia viene prima, la capiamo. Ci mancherà molto", ha dichiarato Dez Fafara, il frontman del gruppo statunitense. Il posto di Rayna verrà nuovamente preso da Nadja Puelen, la quale già l'aveva sostituita durante la gravidanza. Il debutto della nuova line-up è previsto per il prossimo 8 marzo, quando il gruppo si esibirà nella prima data del nuovo tour. Tra poche settimane dovrebbe arrivare sul mercato il terzo album della formazione di Los Angeles.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.