Snoop Doggy Dogg, causa da 10 milioni di dollari contro la sua etichetta discografica

Snoop Doggy Dogg, causa da 10 milioni di dollari contro la sua etichetta discografica

Il rapper Snoop Doggy Dogg, non particolarmente conosciuto dal grande pubblico italiano ma vera potenza negli USA, ce l'ha davvero a morte con la Death Row Records, la sua etichetta discografica. La scorsa settimana aveva detto di sentirsi "prossimo alla morte" se fosse rimasto con la Death Row, stavolta gioca al raddoppio e porta in tribunale l'etichetta con una causa da 10 milioni di dollari per "comportamento scorretto". Il boss della Death Row, Marion "Suge" Knight, il quale sta scontando in carcere una pena di nove anni, ha intanto detto al "Los Angeles Times" che "il futuro dell'etichetta è positivo" e che "l'etichetta sopravviverà".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.