Mercato discografico: Italia su, USA giù

“Crisis? What crisis?” Le proiezioni delle vendite dei dischi sembrerebbero suggerire una realtà ribaltata rispetto a quanto avevamo sempre pensato: da noi va tutto a gonfie vele, non come in America dove i negozianti sono alla canna del gas (sarà per questo che i dischi costano così poco ?).

Quella riscontrata in USA è la flessione più grave da quando il compact ha sostituito il vinile. La Riaa, l'associazione che controlla il mercato discografico non ha ancora comunicato le cifre esatte, ma i discografici sono in allarme per la crescita del mercato “solo” dell’8 per cento, assai inferiore ad annate considerate di per sé deludenti, in cui l’incremento annuale nelle vendite era del 12%. Tra l’altro, l’8 per cento si deve soprattutto alle vendite via Internet. Se in America si intonano lamenti, in Italia risuona un’allegra marcetta: “Musica & Dischi” comunica per il 1997 un incremento del fatturato pari al 5,3 per cento, con una crescita del 3,2 % in termini di pezzi venduti. Dopo cinque anni di vacche magrissime, sono i primi segnali di risveglio dell’industria discografica, che gioisce anche per gli insperati risultati dei cd singoli, in tanti anni trascurati dagli acquirenti e passati ora dal 6,4 al 7,5 per cento. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.