L’AFI denuncia la crisi profonda del mercato discografico

In un comunicato stampa, l’AFI - Associazione Fonografici Italiani, che rappresenta oltre 150 case discografiche indipendenti per un valore complessivo di quasi il 30% del mercato nazionale, ha reso noti i risultati di un’indagine da cui risulta che nel 2001 le vendite dei dischi in Italia sono calate di circa il 20%, con un decremento ancora più accentuato in termini di valore: cresce la vendita di dischi a medio e a basso prezzo, a discapito delle novità ad alto prezzo. Secondo l’analisi dell’associazione, i principali motivi di questa crisi sono la disaffezione dei giovani per il prodotto disco, la mancanza di nuovi grandi artisti che stimolino il mercato e la scarsa creatività (nelle classifiche più recenti, tra i primi dieci posti appaiono ben cinque ‘Best of’).
”In questo contesto, l’Afi esprime la sua più viva preoccupazione per il momento negativo della musica italiana, una crisi particolarmente sentita dalle case da essa rappresentate, che possono contare solo su produzioni e su artisti nazionali”, si legge nel comunicato... “L’Afi denuncia infine la particolare difficoltà che s’incontra nel promuovere nuovi artisti, dato che i maggiori mezzi di promozione puntano preferibilmente alle canzoni e agli artisti più noti e internazionali, e auspica una rapida approvazione della nuova Legge sulla musica”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.