Universal e Columbia sono le regine del mercato USA del 2001

In attesa che l'industria musicale europea (per non dire quella italiana) si decida a mostrare altrettanta trasparenza, il mercato statunitense offre un reportage aggiornato sulla guerra delle quote di mercato in atto tra le maggiori case discografiche: e informa che a dominare la stagione passata sono state la Universal di Doug Morris (prima tra le major distributrici con uno share del 27,6 %, 0,4 punti percentuali in meno dell'anno precedente) e la Columbia di Donnie Ienner (cui spetta invece il primato tra le etichette, 8,4 % di share, davanti ai due raggruppamenti principali di Universal, Interscope Geffen A&M e Island Def Jam, e alla Epic, consorella nella famiglia Sony Music).

Le performance di Columbia ed Epic, che hanno superato i 3 milioni di album venduti rispettivamente con Destiny's Child e Jennifer Lopez, hanno consentito alla Sony Music di conservare una quota di mercato di poco inferiore a quella dello scorso anno (16,9 %) e quasi di affiancare la BMG (17 %). La leader di mercato Universal Music ha invece avuto in Shaggy (4 milioni e mezzo di copie), nei Nickelback (etichetta Roadrunner, 2,6 milioni di copie) e nella colonna sonora di “O brother, where art thou?” (3,4 milioni di copie) i suoi pezzi forti dell'anno, contrastati sul finire di stagione dai best seller del catalogo Warner, Linkin Park, Enya e Staind (tutti sopra i 4 milioni di pezzi, vedi news): ciò che alla major americana non è tuttavia bastato per raddrizzare un anno finanziariamente in rosso, a dispetto dei progressi registrati (quasi un punto percentuale in più) in termini di market share (15,1 %).
Negativa, nonostante il secondo posto tra le major e per ammissione dei suoi stessi dirigenti, è stata la prestazione di BMG, che nel 2001 (a dispetto dei successi riscossi da 'N Sync, su etichetta Jive, da Alicia Keys, Dave Matthews e Creed, attuali mattatori delle classifiche, vedi news) ha perso più del 2 % in termini di market share accumulando nel contempo, secondo fonti ufficiose, 150 milioni di dollari di disavanzo. L'unico a poter sorridere, nella famiglia BMG, sarebbe l'ex boss della Arista Clive Davis, che ha portato la debuttante J Records a raccogliere quattro piazzamenti nelle Top Ten lanciando sul mercato mondiale la nuova stella dell'R&B Alicia Keys.

Sono migliorati, infine, a dispetto delle turbolenze, dei “profit warning” e degli scossoni subiti al vertice, i risultati della EMI, che nel mercato nordamericano ha da tempo il suo tallone d'Achille: grazie alla compilation “Now” (volumi 7 ed 8, su etichetta Virgin), a Janet Jackson (ancora Virgin) e alle “code” di vendita di “1” dei Beatles, la major britannica ha incrementato la sua market share dall'8,7 all'11,3 %.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.