Il ministro inglese al cantante dei Chumbawamba: 'Vigliacco'

Giusto riportare pensieri, parole ed opere dei cantanti, ma giusto anche riportare quelle di chi con essi ha avuto a che fare.

E' il caso, purtroppo per lui, del ministro inglese John Prescott. L'alta autorità, in compagnia della moglie, si trovava l'altra sera alle cerimonia dei "Brit Awards" di Londra, quando è stato "lavato" da una secchiata d'acqua e ghiaccio tiratagli da Danbert Nobacon, il cantante dei Chumbawamba. Boff, il chitarrista del combo anarchico di Leeds, più tardi ha ammesso che tra i due da tempo non correva buon sangue. Oggi, per tornare a bomba, la replica di Prescott. "Una manovra pubblicitaria da vigliacchi per attirare l'attenzione sul gruppo", questo il comunicato della sua segreteria londinese, la quale puntualizza il fatto che il ministro si trovava ai "Brit" solo per "aiutare l'industria discografica britannica". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.