Il boss di Napster: 'Sulle licenze on-line intervenga il Parlamento'

Il boss di Napster: 'Sulle licenze on-line intervenga il Parlamento'
Konrad Hilbers, amministratore delegato del più celebre sito di file sharing musicale (messo praticamente fuori gioco dal luglio scorso con l'obbligo di “ripulire” le sue directory dai brani non autorizzati,vedi news), invoca la mediazione dei legislatori americani nelle negoziazioni, spesso infruttuose, che intercorrono tra siti musicali indipendenti e case discografiche in merito all'utilizzo della musica on-line.
Prendendo la parola durante un convegno in programma alla Future of Music Conference di Washington (vedi news), Hilbers ha lamentato la difficoltà di ottenere le licenze d'uso dalle etichette titolari dei diritti sui brani musicali, proponendo la fissazione per legge di una royalty obbligatoria nel caso in cui non si possa pervenire ad un accordo consensuale tra le parti sul prezzo di utilizzo della musica in rete. “Il Congresso – ha concluso il chief executive officer di Napster, accennando ad un modello già impiegato per la remunerazione degli autori ed editori musicali da parte delle emittenti radiofoniche – avrà poche altre scelte se non quella di prendere in considerazione una licenza obbligatoria per le registrazioni musicali”.
Hilbers è stato invece parco di dettagli circa le modalità di funzionamento del nuovo Napster, rivelando soltanto che il servizio remunererà gli artisti che lo desiderino e che i consumatori saranno soggetti ad alcune restrizioni nell'uso dei brani scaricati dalla rete: i file potranno continuare ad essere scambiati tra i fan ma conterranno dei codici che ne impediranno il trasferimento e la riproduzione su lettori MP3 portatili. Per il momento, come l'invocazione di Hilbers lascia presagire, nessuna delle cinque major (inclusa la BMG, finanziatrice del sito, vedi news) ha concesso l'uso del proprio repertorio al nuovo Napster, la cui versione test potrebbe comparire in rete già questa settimana.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.