Musica on-line: BMG ed EMI 'aprono' al sito indie Rhapsody

Mentre Napster fatica a guadagnare consensi nell'establishment musicale (a dispetto dell'allestimento di una nuova versione legalizzata e a pagamento del sito, vedi news), altri servizi indipendenti di musica digitale in abbonamento proseguono nell'opera di costruzione di cataloghi on-line in grado di attrarre consumatori “viziati” dalla disponibilità in rete di miriadi di brani non autorizzati e circolanti a titolo gratuito. E' il caso di aziende come FullAudio e soprattutto Listen.com, che ha appena annunciato il raggiungimento di accordi di licenza con due major discografiche, EMI e BMG, per il suo servizio di sottoscrizione musicale Rhapsody, operativo in rete dallo scorso dicembre (vedi news) con un repertorio finora limitato al catalogo di etichette indipendenti come Ark 21 e GNP Crescendo.
Il presidente di Listen.com, Sean Ryan, ha preannunciato prossimi accordi con le altre major, sottolineando che l'obiettivo della società è di consentire attraverso Rhapsody un accesso ad un catalogo di musica il più ampio possibile: un compito facilitato, secondo alcuni analisti del settore, dal fatto di non appartenere ad uno dei due blocchi rivali, MusicNet e Pressplay, che vedono le maggiori case discografiche allineate su fronti contrapposti ma anche dalla necessità delle stesse major di allargare a terzi l'uso in rete dei propri cataloghi per non incorrere nelle sanzioni dell'antitrust, che sui due servizi succitati e sulle loro possibili limitazioni della concorrenza on-line hanno avviato da qualche tempo un'inchiesta (vedi news).
EMI e BMG fanno entrambe parte, insieme con Warner Music, della joint venture che appoggia il servizio MusicNet; la EMI ha tuttavia firmato un accordo di collaborazione anche con i gestori di Pressplay (vedi news).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.