Il 2002 di AOL Time Warner: più prudenza, e investimenti in Europa

Richard “Dick” Parsons, nuovo boss (dal maggio prossimo) del colosso mediatico statunitense, è stato di parola, tenendo fede alla sua immagine di uomo pragmatico e poco incline ai proclami roboanti: rivolgendosi agli azionisti ed investitori per tramite di una conference call, lunedì 7 gennaio, il manager di colore ha confermato che nel 2002 AOL Time Warner assumerà un atteggiamento più prudente nella formulazione dei suoi budget, prevedendo che l'economia statunitense ed il mercato pubblicitario in particolare non miglioreranno le loro condizioni prima della seconda parte dell'anno.

Parsons (che in pratica è già subentrato nelle funzioni del suo predecessore Gerald Levin) ha anche preannunciato che le stime preliminari sulla performance conseguita dal gruppo nel 2001 delineano un risultato decisamente inferiore alle previsioni elaborate ad inizio anno, con un incremento del giro d'affari valutato intorno ai 38 miliardi di dollari (42,6 miliardi di euro) in luogo dei previsti 40 miliardi: il management della società si aspetta una crescita di fatturato intorno al 5-8 % nel corso dei prossimi dodici mesi, simultaneamente ad un aumento del cosiddetto “ebidta” (ricavi al lordo di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamenti) compreso tra l'8 e il 12 %.
Parsons, Levin e i loro collaboratori hanno anche confermato agli ambienti finanziari l'intenzione di versare 6,75 miliardi di dollari in contante al gruppo Bertelsmann per rilevare la quota in suo possesso di AOL Europe, intendendo utilizzarne le strutture e le risorse come testa di ponte per una maggiore penetrazione su molteplici mercati di consumo: uno dei principali obiettivi di AOL Time Warner nel 2002, ha annunciato il management dell'azienda, è di realizzare investimenti sostanziali in Europa per incrementare la sua quota di mercato globale nel continente.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.