NEWS   |   Pop/Rock / 09/01/2002

XTC: 'La nostra lotta
contro l'industria del disco'

XTC: 'La nostra lottacontro l'industria del disco'
E' da circa dieci anni a questa parte che Andy Partridge, leader dello storica pop band inglese degli XTC, con le case discografiche proprio non riesce ad andare d'accordo: “Siamo andati in sciopero con la Virgin”, ci ha confessato lo stesso Alan, che Rockol ha raggiunto telefonicamente nella sua residenza di inglese di Swindon, “Eravamo infatti intrappolati da un contratto capestro, che non ci permetteva di godere dei proventi della vendita dei nostri dischi”. La situazione sembrava apparentemente migliorata col passaggio degli XTC alla Cooking Vinyl, dinamica indie britannica: “In italiano si dice 'passare dalla padella alla brace'? Ecco, con la Cooking Vinyl è successo esattamente questo. Eravamo la band di punta di quell'etichetta, ma... Devo stare attento, perché abbiamo ancora dei problemi legali in corso. Posso solo dirti che i loro avvocati sono come Shakespeare: bravissimi nel narrare grandi storie di finzione...”. Ma le cose, per Andy e soci, sembrano destinate a migliorare: la prossima primavera, infatti, verrà pubblicato per la Virgin un album intitolato “Coat of my cupboards”, disco che affrancherà la band dal legame con la potente major. “Per essere onesti, questo disco raschierà il fondo del barile del nostro repertorio per risolvere il contratto con la Virgin: si tratta sostanzialmente di inediti finiti negli archivi perché non ci convincevano appieno. Sarà un'operazione interessante per i fan, ma, in fondo, conterrà essenzialmente materiale 'di scarto'”. La trascrizione completa dell'intervista concessaci da Andy Partridge verrà pubblicata domani giovedì 10 gennaio da Rockol.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi