Jean-Marie Messier: 'Vivendi Universal resterà sempre francese'

L'onore transalpino è salvo: il “boss” del megagruppo Vivendi Universal (cui fa capo la casa discografica Universal Music) assicura che il suo successore sarà anch'egli di nazionalità francese e smorza le ansie dei connazionali (primi fra tutti i funzionari locali dell'antitrust), timorosi che i crescenti interessi della società sul mercato mediatico e televisivo americano possano tradursi, in un prossimo futuro, in una nuova presa di potere da parte degli “yankee” (prima di essere acquistata da Vivendi, Universal era in mano alla Seagram della dinastia ebreo-canadese Bronfman).
Messier, che ha solo 45 anni, ha aggiunto di non avere nessuna intenzione di cedere lo scettro e di volere restare alla guida del gruppo almeno per i prossimi 15 o 20 anni, negando ogni intenzione di avventurarsi nell'arena politica (in passato è stato consigliere dell'ex primo ministro Edouard Balladur). “Ma nella tragica eventualità, almeno per me, di essere travolto da un autobus, vorrei lasciare qualche raccomandazione al mio consiglio di amministrazione su chi dovrebbe assumere il comando della società”, ha dichiarato l'estroverso manager francese alla stampa internazionale. Messier ha rivelato che il nome del successore designato è già conservato in una busta che tiene in cassaforte, ma che la sua scelta potrebbe modificarsi in base al succedersi degli eventi: tra i “papabili”, secondo gli osservatori, ci sarebbero Denis Olivennes (responsabile operativo della pay-TV Canal Plus), Philippe Germond (capo della divisione telecomunicazioni Cegetel) e Agnes Touraine (chief executive di Vivendi Universal Publishing), tutti membri del cda della società e tutti più o meno coetanei di Messier.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.