Financial Times: Vivendi in prima linea per salvare l'operazione Universal-EMI

La posizione relativamente defilata tenuta da Jean-Bernard Levy  in merito all'acquisizione delle attività discografiche della EMI da parte di Universal potrebbe avere giocato un ruolo nelle sue improvvise dimissioni dall'incarico di amministratore delegato di Vivendi, annunciate a fine giugno.  A dimostrarlo sarebbe il cambio di passo deciso dai vertici della multinazionale francese ora che  - secondo quanto riporta il Financial Times - il suo sostituto Jean-René Fourtou ha deciso di entrare direttamente in campo a fianco del numero uno Universal Lucian Grainge: obiettivo,  convincere gli organi antitrust delle due sponde dell'Atlantico a non bloccare l'acquisizione, o a limitarla in modo tale da svuotarla di significato.



La Commissione Europea ha comunicato a Universal le sue perplessità su una fusione che, a suo dire, potrebbe intaccare la concorrenza nell'ambito della musica digitale con effetti negativi sui prezzi e sulle tasche dei consumatori, oltre che sul fronte della offerta e della "diversità culturale". Fourtou, scrive il FT, sembra intenzionato a fare concessioni e a liquidare una parte dei suoi asset musicali, anche se sembra sempre più improbabile che Vivendi voglia disfarsi tout court di Universal e organizzarne uno spin-off.



"La Commissione Europea non vorrà umiliare Vivendi in un momento di debolezza come questo", ha commentato al quotidiano finanziario una fonte anonima riferendosi al recente calo delle quotazioni del titolo in Borsa. Secondo il Financial Times, inoltre, Fourtou e Edgar Bronfman Jr. di Warner Music, uno dei più strenui oppositori dell'operazione Universal-EMI, si sarebbero incontrati più di un mese fa a Parigi per discutere della questione. Proprio Warner sarebbe una delle società più interessate all'acquisto di cataloghi ed etichette eventualmente lasciate libere da EMI o Universal.
 

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.