Liberalizzazione dei diritti connessi: che fine ha fatto il decreto attuativo?

A oltre tre mesi dall'entrata in vigore della legge che ha liberalizzato la gestione dei diritti connessi in rappresentanza degli artisti interpreti esecutori (in relazione alla pubblica diffusione delle opere musicali in radio, tv, al cinema, nei locali pubblici e sui siti Internet), del decreto attuativo che dovrebbe fissare i requisiti minimi per poter esercitare l'intermediazione finora affidata in esclusiva all'IMAIE (oggi Nuovo IMAIE) non c'è ancora traccia.


Tanto che la senatrice del PDL Simona Vicari, relatrice della legge di conversione del decreto legge sulle liberalizzazioni, ha presentato un'interrogazione parlamentare in cui chiede lumi ai rappresentanti del governo sostenendo che "il Nuovo IMAIE continua ad operare in maniera anticoncorrenziale, ostacolando l'entrata nel mercato di altri operatori". Nel suo intervento, l'on. Vicari mette anche l'accento sulle divergenze manifestatesi all'interno della stessa maggioranza a proposito dell'ambito di applicazione delle liberalizzazioni (che, secondo alcuni esponenti del governo, non includerebbero la gestione dei compensi per la copia privata) e, prendendo spunto dall'articolo a firma di Sergio Rizzo apparso il 26 giugno sul Corriere della Sera, denuncia i"problemi di malagestio e di clientela del tutto simili a quelli del nuovo IMAIE" che riguarderebbero la SIAE per invocare anche  una "liberalizzazione della gestione del diritto d'autore". 

    A oltre tre mesi dall'entrata in vigore della legge che ha liberalizzato la gestione dei diritti connessi in rappresentanza degli artisti interpreti esecutori (in relazione alla pubblica diffusione delle opere musicali in radio, tv, al cinema, nei locali pubblici e sui siti Internet), del decreto attuativo che dovrebbe fissare i requisiti minimi per poter esercitare l'intermediazione finora affidata in esclusiva all'IMAIE (oggi Nuovo IMAIE) non c'è ancora traccia.


    Tanto che la senatrice del PDL Simona Vicari, relatrice della legge di conversione del decreto legge sulle liberalizzazioni, ha presentato un'interrogazione parlamentare in cui chiede lumi ai rappresentanti del governo sostenendo che "il Nuovo IMAIE continua ad operare in maniera anticoncorrenziale, ostacolando l'entrata nel mercato di altri operatori". Nel suo intervento, l'on. Vicari mette anche l'accento sulle divergenze manifestatesi all'interno della stessa maggioranza a proposito dell'ambito di applicazione delle liberalizzazioni (che, secondo alcuni esponenti del governo, non includerebbero la gestione dei compensi per la copia privata) e, prendendo spunto dall'articolo a firma di Sergio Rizzo apparso il 26 giugno sul Corriere della Sera, denuncia i"problemi di malagestio e di clientela del tutto simili a quelli del nuovo IMAIE" che riguarderebbero la SIAE per invocare anche  una "liberalizzazione della gestione del diritto d'autore". 

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.