Kim Dotcom: 'C'è il vicepresidente Biden dietro la chiusura di MegaUpload'

Mentre un giudice federale statunitense della Virgina concede ai suoi legali di presentare ricorso contro la sentenza di condanna emessa dal tribunale (ma non, almeno per ora, lo "scongelamento" dei beni patrimoniali confiscati che gli servirebbero per pagare le spese processuali), l'ineffabile Kim Dotcom torna all'attacco "rivelando" al blog TorrentFreak il nome del promotore del blitz di gennaio che ha portato al suo arresto e alla chiusura di MegaUpload: si tratterebbe nientemeno che di Joe Biden, il vicepresidente degli Stati Uniti che affianca Barack Obama al vertice del gabinetto Usa. "So da fonte credibile che è stato lui, grande amico dell'ex senatore nonché attuale boss della MPAA (l'organizzazione delle major cinematografiche americane) Chris Dodd, a ordinare al suo ex legale e ora procuratore distrettuale Neil MacBride di buttare giù Mega", sostiene Dotcom.



Subito dopo essere scarcerato, ricorda TorrentFreak, lo spregiudicato imprenditore di origini tedesche aveva puntato il dito contro Washington, sostenendo che l'investigazione contro MegaUpload era un "regalo a Hollywood", irritata dalla quantità di scambi non autorizzati di film che avvengono attraverso il servizio di file hosting. Dotcom (o Schmitz, il suo vero cognome) aveva già accennato al presunto coinvolgimento di Biden in un tweet, ma la dichiarazione rilasciata a TorrentFreak è sicuramente destinata a fare più rumore.  
 

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.