UK, continua la crisi delle riviste musicali: dopo 9 anni chiude The Word

UK, continua la crisi delle riviste musicali: dopo 9 anni chiude The Word

E' durata nove anni l'avventura editoriale di The Word, mensile britannico specializzato in musica cantautorale e classic rock che copriva un segmento di mercato analogo a quello presidiato dai più popolari Mojo (editore Bauer Media) e Uncut (IPC Media) con sezioni dedicate anche a libri e cinema.


La rivista, ha annunciato l'editore David Hepworth con un messaggio postato via Twitter e poi sul sito Internet, chiuderà i battenti con il numero di agosto, in uscita nelle rivendite del Regno Unito a partire dalla  seconda metà di luglio: colpa delle trasformazioni in corso nel settore dei media e dell'industria musicale che, scrive Hepworth, "hanno reso più difficile la sopravvivenza di un piccolo magazine indipendente e la possibilità di assicurare da vivere al suo staff. Il tutto non è stato reso più facile dal clima economico in cui versa il mondo intero".


"Il sito Web", ha aggiunto l'editore di The Word, "rimarrà aperto per l'immediato futuro come punto di contatto. Quando scegliemmo quello slogan, 'The Word - una rivista, un sito Internet, un podcast, uno stile di vita' eravamo un po' ironici. Ma è stato così, no?".


Il primo numero di The Word (in copertina Nick Cave) andò in edicola nel febbraio del 2003: la casa editrice Development Hell, di cui Hepworth è stato cofondatore insieme a Jerry Perkins, pubblica anche la popolare rivista di dance music Mixmag.



La crisi irreversibile di The Word si inserisce in un trend di flessione generalizzata di lettori che, come rilevano i dati periodici rilevati da ABC, riguarda ormai tutte le maggiori riviste musicali inglesi a cominciare da testate storiche come l'NME.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.