Musica nei pubblici esercizi: gli USA pagheranno gli artisti europei

Il governo statunitense pagherà 3,3 milioni di dollari in tre anni (oltre 7 miliardi di lire) agli artisti dell’Unione Europea che non ricevono alcuna royalty dai bar, i negozi e i ristoranti americani che diffondono regolarmente musica nei loro locali.
La legge federale statunitense prevede infatti (a differenza di quella europea) l’esenzione di certi locali pubblici dall’obbligo di pagare i cosiddetti “performance rights” (diritti di pubblica esecuzione) ai detentori dei copyright musicali per la riproduzione di musica registrata (vedi news): ma per venire incontro alle richieste delle associazioni di categoria e delle autorità politiche comunitarie, che contro tale norma hanno più volte rigorosamente protestato, gli Stati Uniti hanno accettato di creare un apposito fondo che provvederà a versare l’importo prestabilito nell’arco dei prossimi tre anni, nel mentre i legislatori americani provvedono ad emendare la contestata disposizione di legge.
Il compromesso, concordato a Bruxelles dal rappresentante dell’Unione per il Commercio Pascal Lamy con il suo collega americano Robert Zoellick, è subordinato all’approvazione del Congresso statunitense, e fa seguito ad una sentenza emessa lo scorso anno dal WTO, l’organizzazione mondiale per il commercio: quest’ultima aveva sancito l’illegalità della norma americana intervenendo su istanza della Commissione Europea, a sua volta sollecitata a prendere posizione dalla Irish Music Rights Organisation, associazione di categoria irlandese che tutela gli interessi di artisti e musicisti locali.
In Italia la riscossione dei diritti di pubblica esecuzione dai locali pubblici è uno degli obiettivi più imminenti inclusi nell’agenda della SCF, la società di “collecting” che rappresenta gli interessi delle case discografiche.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.