Anche per Pressplay, come per MusicNet, un debutto in sordina

Anche per Pressplay, come per MusicNet, un debutto in sordina
A poche settimane di distanza da MusicNet anche Pressplay ha fatto l'atteso esordio in rete (oggi, mercoledì 19 dicembre), accomunato al concorrente non solo dal fatto di essere sostenuto dalle major discografiche (BMG, EMI e Warner nel primo caso, Sony e Universal nel secondo), ma anche dal tono volutamente dimesso dell'esordio. Il lancio dell'offerta musicale on-line avviene infatti su scala ridotta, “semplicemente per assicurarci di poter fornite un servizio il più possibile affidabile e di massima qualità”, come ha spiegato un portavoce della joint venture, Seth Oster, promettendo un salto di qualità, in termini di offerta e di servizi, a partire dall'inizio dell'anno prossimo, nel mentre tecnici e uomini di marketing ne testano il funzionamento e la risposta dei primi consumatori.
Disponibile gratuitamente per un periodo di due settimane (nel corso delle quali ciascun utente potrà ascoltare 200 brani in streaming ed effettuare 20 download), il servizio sarà successivamente fruibile a pagamento scegliendo tra 4 diversi “pacchetti” che vanno dall'offerta “basic” (300 streaming e 30 download per 9,95 dollari al mese) al “platinum plan”, che per 24,95 dollari mensili permette di ascoltare 1.000 brani in streaming, scaricarne 100 sul pc e copiarne 20 su un CD-R (opzione non consentita finora da MusicNet: solo una porzione del catalogo, però, è disponibile per questo utilizzo)
L'accesso a Pressplay può essere attivato connettendosi (con un link diretto) alla piattaforma di distribuzione di uno dei tre partner tecnologici del progetto (Yahoo!, MSN Music di Microsoft e Roxio, a cui presto si aggiungeranno altri siti come MP3.com); l'elenco dei brani disponibili, oltre che ai cataloghi di Sony e Universal, attinge al repertorio di EMI nonché di etichette indipendenti come Matador, Razor & Tie, Roadrunner e Rounder. Prudenze iniziali a parte, il presidente e chief executive di Pressplay Andy Schuon è convinto che il lancio del servizio segni “un modo nuovo, facile, affidabile e sicuro di godersi la musica più popolare del mondo”, mentre diversi osservatori già sottolineano i vantaggi di cui potranno godere utenti e gestori del servizio utilizzando come interfaccia la TV digitale anziché il computer (una delle possibilità aperte ad Universal dalle recentissime acquisizioni in campo televisivo attraverso EchoStar e USA Networks, vedi news).
Non tutti però sembrano prendere sul serio l'iniziativa ed apprezzarne la “filosofia” di fondo, e tra questi figura l'artista indipendente (e propugnatore del libero “file sharing”) Tobyslater, che ha anticipato il lancio di Pressplay mettendone in rete un clone fasullo denominato Pressplayster. Sul sito, che scimmiotta con pungente ironia quello promosso da Sony e Universal, ce n'è per tutti: per le major, in primo luogo, ma anche per il boss dell'associazione dei discografici americani Hilary Rosen, per il settimanale Billboard e naturalmente per i Metallica e per Dr. Dre, colpevoli di avere partecipato attivamente allo smantellamento di Napster e alla sua sconfitta in tribunale (vedi news).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.