USA, gli autori autorizzano Microsoft e Yahoo! all'uso della musica on-line

I portali musicali delle due società americane, MSN Music e Launch (vedi news), hanno ottenuto le licenze d'uso in rete del vastissimo repertorio amministrato dalla Broadcast Music Inc. (BMI), una delle maggiori organizzazioni americane che svolgono funzioni di “collecting” (raccolta e distribuzione di royalty) per conto di autori e compositori musicali.

Creata nel 1940 da un gruppo di (allora) operatori indipendenti, la BMI rappresenta oggi circa 350 mila soggetti tra editori musicali, autori e compositori e vanta un catalogo di circa quattro milioni e mezzo di opere musicali. Le licenze rilasciate dalla BMI autorizzano l'uso del repertorio con riguardo agli autori e alle società di publishing ma non nei confronti degli artisti interpreti delle canzoni e delle case discografiche proprietarie dei master di registrazione, che devono a loro volta concedere un'autorizzazione all'utilizzo in rete delle opere di cui controllano i cosiddetti diritti “connessi”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.