Yahoo! cambia partner per i servizi di streaming: da Rhapsody a Spotify

Sembra quasi un simbolico passaggio di consegne tra il vecchio pioniere e il nuovo fenomeno dello streaming musicale: Yahoo! abbandona Rhapsody in favore di Spotify, siglando con la piattaforma svedese un accordo globale di promozione e distribuzione che di fatto sostituisce quello precedentemente in vigore con il servizio lanciato negli Stati Uniti nel dicembre del 2001.



La società californiana integrerà dunque nel proprio network di siti Internet (frequentati da quasi 700 milioni di utenti unici mensili, oltre il 47 per cento dell'utenza Internet del mondo secondo i dati comScore aggiornati al maggio 2012) i servizi di streaming musicale on-demand offerti da Spotify, cominciando ovviamente dalla piattaforma Yahoo! Music per poi estenderne la disponibilità a tutte le altre piattaforme che propongono contenuti di intrattenimento. La Web company di Sunnydale, per contro, lancerà prossimamente un'applicazione che consentirà agli oltre 10 milioni di utenti Spotify di accedere ai suoi contenuti di entertainment,  inclusi programmi musicali e profili dedicati agli artisti.



Ross Levinsohn, amministratore delegato ad interim di Yahoo!, ha spiegato di avere scelto Spotify come partner perché "Daniel (Ek) e il suo team stanno trasformando l'industria musicale". "Sono i leader mondiali nel campo della musica digitale", ha aggiunto, "e insieme potremo fornire la 'colonna sonora' agli utenti Internet di tutto il mondo". Il fondatore della società svedese, lodando il nuovo team dirigenziale di Yahoo!,  ha ribattuto che "noi di Spotify vogliamo illuminare il Web con la musica, e come partner musicali globali di Yahoo! potremo raggiungere il suo enorme pubblico".

 

Quasi in simultanea all'accordo con Spotify, Yahoo! ne ha raggiunto uno con iHearRadio, affidando alla Web company di proprietà di Clear Channel l'esclusiva dei servizi di Internet radio.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.