Gli A-Ha in studio (con un team di produttori)

Gli A-Ha in studio (con un team di produttori)
Verrà pubblicato con ogni probabilità il prossimo aprile il nuovo album degli A-Ha, band che attraversò l’apice del proprio successo durante la stagione d’oro del pop anni Ottanta: il gruppo è infatti al lavoro, dallo scorso gennaio, per realizzare un nuovo disco, e (secondo quanto riporta il sito ufficiale di Paal Waaktaar e soci) ha intenzione di non confezionare il classico prodotto “da studio” curato, si, ma senza personalità. La band si è infatti messa della mani di un team di produttori che comprende Clive Langer, Ian Caple (già al lavoro con Suede e Tindersticks), Stephen Hague (“giramanopole” per New Order e Blur) e Martin Landqvist, collaboratore dei Cardingans. “Abbiamo scelto di lavorare con persone diverse”, ha precisato la band, “per permettere a tutti i lati della nostra musica di godere della stessa cura ed esposizione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.