Universal-EMI, il primo sì arriva dalla Nuova Zelanda

Mentre la Commissione Europea inoltra a Universal Music le sue obiezioni rispetto all'acquisizione degli asset discografici della EMI e per raccogliere ulteriori informazioni la sottocommissione antitrust del Senato americano convoca in udienza soggetti interessati e oppositori della fusione, il merger incassa il suo primo sì ufficiale. A dare il via libera, informa il sito inglese Music Week, sono le autorità neozelandesi, e più precisamente la Commissione Commercio del Paese australe che ha comunicato il suo nulla osta all'operazione a dispetto delle forti obiezioni sollevate, anche in quel territorio, da Warner Music e dalle associazioni che rappresentano le etichette indipendenti.



"La Commissione Commercio neozelandese, sotto la guida del presidente dr. Mark Berry, ha intrapreso un processo investigativo molto approfondito, lavorando a stretto contatto con il nostro team legale e con il managing director di Universal Music New Zealdn Adam Holt", ha comunicato un portavoce della casa discografica del gruppo Vivendi.



Sulle implicazioni della fusione Universal-EMI i pareri continuano tuttavia a essere divergenti: al New Music Seminar di New York Sean Parker di Spotify (ed ex Napster) ha detto di ritenerla "una buona cosa per un'industria musicale che langue da dodici anni e che ha bisogno di una leadership desiderosa di guidare il cambiamento".



Chiamato a testimoniare davanti al Senato statunitense, Martin Mills del Beggars Group ha al contrario ribadito di ritenere che il merger "danneggerà il mercato e intaccherà le possibilità di accesso da parte delle indies e di altre major di minori dimensioni. Si tratta di controllo di mercato, e dell'acquisizione di una posizione di dominanza in termini di market share".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.