Leggi antipirateria, Alvaro (Parlamento Europeo): 'L'ACTA non verrà approvato'

Alla vigilia del voto deliberato dalla commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo (e dopo il parere negativo espresso dalle commissioni Industria, Affari Giuridici e Libertà Civili)  per il trattato anticontraffazione ACTA, quanto meno nel Vecchio Continente, non sembra esserci futuro.  



Lo sostiene un membro del Parlamento stesso, il tedesco Alexander Alvaro: "Non credo di affermare nulla di nuovo se dico di aspettarmi che il Parlamento respingerà l'ACTA", ha detto l'esponente del Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa parlando al Medienforum NRW, una conferenza su copyright e pirateria che si tiene in Germania. "Per quanto il trattato sia compatibile che con le leggi europee, una legislazione che incide su una larga fetta della popolazione mondiale, circa 1 miliardo di individui, non può essere decisa da un gruppo ristretto senza la necessaria trasparenza e la cooperazione di tutti".



Gli stessi vizi sostanziali di scarsa democraticità e trasparenza, secondo Alvaro, condizionano la cosiddetta direttiva IPRED 2 sulla tutela del copyright, che potrebbe prevedere l'estensione sul tutto il territorio comunitario del meccanismo di risposta graduale "alla francese" introdotto dalla legge Hadopi nei confronti di chi viola ripetutamente i diritti d'autore in rete scaricando materiale illegale: "Il modello dei 'tre colpi' reca più danni agli utenti di Internet che vantaggi ai titolari dei diritti", sostiene il parlamentare UE, "e non credo che il Parlamento Europeo approverà neppure l'IPRED2, se rimarrà nella forma attuale".



In molti Paesi europei la notizia di una possibile  ratifica dell'ACTA, che ha negli Stati Uniti il massimo promotore, ha provocato forti reazioni in quella parte dell'opinione pubblica convinta che le norme in esso contenute favoriscano interessi industriali precostituiti minando la libertà di espressione dei cittadini: proprio in Germania, a febbraio, scesero in piazza a manifestare contro l'adozione del trattato circa 60 mila persone.
 
 

Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.