Lyor Cohen (Warner) controcorrente: 'Punto sugli artisti che durano nel tempo'

Il senso comune vuole che non ci siano più tempo, risorse ed energie, nelle case discografiche, per investire sui talenti e lasciargli il tempo di crescere. Lyor Cohen, amministratore delegato di Warner Music, sostiene che non è sempre così: "Trovo stupido cercare di predire cosa succederà da qui a dieci anni", ha spiegato in un applauditissimo intervento a un dibattito organizzato da iHeartradio nell'ambito del New Music Seminar di New York. "Non sopporto  i tipi degli uffici artistici quando mi dicono che il rock è morto. Sembra di sentire parlare dei trader finanziari. A me invece interessa essere aperto all'innovazione e ricompensare chi commette degli errori, perché è impossibile non farli quando ci si mette in movimento. Lo sviluppo artistico a lungo termine è il tipo di impegno che ci porterà frutti in futuro".



Ricorrendo anche all'aneddotica (il provino, miseramente fallito, organizzato seduta stante nel suo ufficio su insistenza dei suoi A&R per Tila Tequila, starlette sexy diventata una celebrità grazie a Myspace), Cohen sostiene un'opinione controcorrente anche per quanto riguarda lo scouting effettuato sul Web e l'importanza dei "follower" degli artisti emergenti: "Se qualcuno ha un enorme seguito online significa che i miei concorrenti lo conoscono già. Io invece voglio essere lì nelle prime fasi di sviluppo di un artista, e voglio che le cose accadano lentamente. Preferiamo allevarli, gli artisti. Innaffiarli ed esporli al sole così che possano crescere. C'è un motivo per cui non si dà un bisturi a un medico appena uscito da scuola intimandogli di operare!".



Sostenitore dei cosiddetti contratti a 360 gradi che legano artisti e case discografiche nella gestione di molteplici aspetti del business, Cohen si augura il ritorno a "un'industria fraterna e paterna, dove formare legami solidi come quelli che erano abituali quando  ho cominciato a lavorare in questo settore, nel 1983. Ai tempi in cui si usciva tutti insieme per un drink e tutti si sostenevano a vicenda. Quando questo non succede, è un  fallimento".
 

Dall'archivio di Rockol - I migliori album tributo del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.