Madonna contestata dagli animalisti britannici

Madonna contestata dagli animalisti britannici
Madonna è stata violentemente contestata dagli animalisti britannici: pietra dello scandalo sarebbe stato un vistoso cappello in pelliccia di volpe (realizzato dallo stilista Philip Tracey, del valore di circa tre milioni di lire), col quale la signora Ritchie si è fatta sorprendere durante una passeggiata nel pieno centro di Londra. Dawn Carr, dell’associazione animalista inglese PETA, ha definito il copricapo della popstar “disgustoso”. Come riporta l’agenzia ANSA, ancora più stupefacente è che Madonna abbia stretto una profonda amicizia con la figlia di Paul McCartney, Stella, stilista fermamente contraria all’utilizzo di pelli di animali nella realizzazione dei suoi capi: “Scommetto che Stella sarà molto delusa”, ha concluso Dawn Carr.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.