La Spagna chiama alle armi l'Europa contro la pirateria

L’industria iberica dell’intrattenimento si fa promotrice di una conferenza internazionale contro la pirateria audiovisiva da tenere il prossimo aprile, durante la presidenza spagnola dell’Unione Europea.

A lanciare l’iniziativa è la Mesa Antipirateria, un “forum” intersettoriale che include rappresentanti della discografia e della cinematografia come del settore informatico e dell’industria dei videogame. La “lobby” trasversale si è costituita nell’ottobre scorso, dopo che nei mesi precedenti il mercato illegale di CD, film, programmi per computer e videogiochi aveva conosciuto una vera e propria esplosione: falsi e duplicazioni abusive a scopo commerciale, secondo le cifre raccolte dalla neonata organizzazione, costano oggi all’industria locale 780 milioni di euro all’anno, oltre 1500 miliardi di lire,e in settori come quello dei videogiochi i prodotti piratati in circolazione sul mercato sarebbero ormai numericamente maggiori di quelli legali. .


Anche sul fronte discografico, la situazione della Spagna presenta ormai forti analogie con quella italiana. Il mercato del falso è in mano per lo più ad organizzazioni di stampo criminale e le stime più recenti valutano in 12 milioni di pezzi (il 15 % del mercato legale) i CD contraffatti smerciati sulle strade dai venditori ambulanti: le perdite per l’industria sono calcolate in oltre 15 miliardi di pesetas all’anno (più di 165 miliardi di lire), mentre i mancati introiti per l’erario ammontano a 3 miliardi di pesetas, oltre 33 miliardi di lire.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.