PricewaterhouseCoopers: 'In Usa lo streaming fa rinascere la musica registrata'

Nel Regno Unito, in termini di fatturato discografico, il primo trimestre del 2012 si è concluso con il sorpasso dei supporti musicali digitali su quelli "fisici". Un sorpasso temporaneo, che invece negli Stati Uniti, secondo l' "Entertainment & Media Outlook 2012-2016" compilato da PricewaterhouseCoopers, diverrà definitivo già entro quest'anno.



Download e, soprattutto, streaming a pagamento proiettano nello studio di PwC uno scenario confortante per l'industria musicale  statunitense, il cui valore complessivo a fine 2016 (musica registrata+musica dal vivo) dovrebbe arrivare a 19,8 miliardi di dollari, il 5,5 % in più dei 15,2 miliardi con cui si è chiuso il 2011.



Più in dettaglio: i ricavi generati dai servizi di musica digitale dovrebbero crescere nel quinquennio a un tasso medio annuo dell'11,7 % toccando quota 5,5 miliardi nel 2016 (a fronte dei 3,1 miliardi attuali); nel frattempo i supporti fisici (cd) dovrebbe calare dell'8 % medio, da 3,4 a 2,2 miliardi di dollari: sommando i due valori, si passa da 6,5 a 7,7 miliardi di dollari, con un + 3,4 % medio all'anno.



Nell'arco del quinquennio, sostiene PwC, anche la musica dal vivo rialzerà la testa passando da 8,7 a 12,2 miliardi di dollari, con un tasso di crescita medio del 7 %. "Se si guarda indietro al 2007, 2008 e 2009, ci si rende conto che si è trattato della fine di un ciclo durante il quale vendite molto sostenute di musica registrata hanno sospinto l'industria", sostiene il managing director del settore entertainment, media and communications di PwC Greg Boyer. "Dopo il crollo dal 38 al 40 % registrato in quel difficile periodo, i servizi in abbonamento stanno oggi alimentando la possibilità di tornare quanto meno a numeri di fatturato decisamente robusti. Ne nascono opportunità nuove e particolari anche per gli artisti, le etichette e le altre società che stanno crescendo in questo nuovo ambiente".  

 

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.