Azealia Banks non vuole più essere una rapper. E chiude l'account di Twitter

Azealia Banks non vuole più essere una rapper. E chiude l'account di Twitter

Finora di Azealia Banks si era detto che sarà "una delle rapper che dovrebbe fare il botto quando sarà pubblicato il suo primo album". Ma le cose sembrano cambiate. L'artista, che qualcuno ha definito "la rapper del sesso" perché il suo brano più noto, "212", era stato percepito come un inno al sesso orale, via Tumblr ha affermato che non vuole più essere una rapper. E ha cancellato il suo account su Twitter perché la rende "troppo accessibile". "Non sono mai stata una rapper", ha scritto l'artista che ha studiato alla La Guardia High School of Performing Arts di Manhattan,  scuola dalla quale sono passati anche Liza Minnelli, Al Pacino e Nicki Minaj. "E, appena ho iniziato a prestare attenzione ai bulls, cioé agli urban media, ho iniziato ad avere problemi. Da ora in poi sono una vocalist, e non sarò più in relazione con il giro del rap, o quel che ca**o significa. E basta Twitter, mi rende troppo accessibile. Beccatemi su tumblr, sarà più interessante". Recentemente Azealia, che proviene da Harlem, New York, dove è cresciuta con la madre in seguito alla morte del padre quando la futura cantante aveva due anni, ha improvvisamente mollato il nuovo manager Troy Carter il quale è manager anche di Lady Gaga. In un successivo post su tumblr, Banks ha aggiunto "farò ancora rap, solo che non voglio quell'etichetta e tutte quelle cagate che ti arrivano addosso con il 'rap game'...che roba noiosa".




Contenuto non disponibile







Il suo primo album è atteso nel prossimo settembre con il titolo di "Broke with expensive taste".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.