Un disco copiato per ogni disco originale, esplode il mercato del CD-R

Quasi due miliardi e mezzo di CD masterizzati privatamente sarebbero oggi in circolazione nelle case dei consumatori di musica di tutto il mondo, secondo i calcoli effettuati dall’organizzazione mondiale dell’industria discografica, IFPI. La federazione di categoria calcola che circa metà dei CD-R venduti nel corso dell’ultimo anno (4,8 miliardi di supporti) siano stati utilizzati dal pubblico per duplicare musica: una cifra che equivale sostanzialmente al consumo “legale”, all’acquisto cioè di prodotti musicali nei negozi di dischi, a fronte di un rapporto tra CD originali e copiati che era di tre a uno due anni fa e di due a uno nel 2000.
“Sento di poter dire con certezza che mai come negli ultimi sei mesi i consumatori hanno ascoltato tanta musica”, ha commentato il presidente dell’IFPI Jay Berman. “Il problema – ha aggiunto con amarezza – è che noi non ne abbiamo beneficiato per niente”.
L’allarme copia privata è scoppiato nell’ultimo anno in tutta Europa e soprattutto in Germania, dove la diffusione degli impianti di masterizzazione e la moltiplicazione delle vendite di CD-R sono considerati i motivi principali della drastica riduzione del mercato discografico, crollato dell’11 % nei primi sei mesi dell’anno (vedi news). Secondo le risultanze di una recente ricerca di mercato, per ogni tre CD legali i consumatori tedeschi copiano oggi due CD-R.
Le major del disco si stanno intanto preparando a prendere contromisure contro l’espandersi del fenomeno (con qualche effetto collaterale spiacevole: vedi i problemi sperimentati da BMG con il nuovo CD, fornito di sistema anticopia, di Natalie Imbruglia, che non sembra funzionare su alcuni tipi di lettori CD e DVD, vedi news): per il momento però solo la Universal ha annunciato che tutti i CD di sua pubblicazione recheranno codici di protezione anti-copia a partire dall’estate prossima.
Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.