In vista duetto Rod Stewart-Michael Bublé

In vista duetto Rod Stewart-Michael Bublé

Ora che si va verso il caldo è ora di pensare a Natale. Idea valida solamente, naturalmente, per gli artisti che vogliano realizzare il classico album natalizio. Istituzione tipicamente statunitense che, se azzeccata, paga. Paga eccome. Si prenda ad esempio "Christmas" di Michael Bublé: pubblicato tra 21 e 25 ottobre 2011, il disco, contenente i soliti sospetti come "Santa Claus is coming to town" e "Jingle bells", nei soli USA ha venduto 2.450.000 copie. Ci sono poi le 350.000 smerciate un Australia, le quasi 200.000 in Italia, le 200.000 in Germania, le 100.000 in Irlanda e così via. Con un disco così, insomma, uno è a posto per tutta la vita. Deve aver pensato la stessa cosa Rod Stewart, il quale come noto non disdegna il far di conto. Lo scozzese di Londra ha deciso di assemblare il suo primo album natalizio, che per forza di cose deve essere confezionato entro agosto se lo si vuole commercializzare verso ottobre. E, secondo il "New York Post", ha chiesto aiuto proprio a Bublé: Rod the Mod e il cantante canadese - i cui nonni come noto sono uno della provincia di Treviso e l'altra di quella dell'Aquila - dovrebbero registrare ben tre duetti.




Contenuto non disponibile








 Il produttore sarebbe David Foster, di fatto lo scopritore di Bublé; Foster rimase colpito da Michael quando lo vide cantare, allora giovane (2000) e semisconosciuto, alla festa del matrimonio della figlia del primo ministro canadese Brian Mulroney. Da notare che nel prossimo ottobre dovrebbe anche essere commercializzata l'autobiografia di Stewart, per la quale il cantante aveva firmato un contratto con Random House Group e Random House Inc nel settembre 2011.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.