La crescita di BMG Rights: più di 1 milione di copyright in meno di 4 anni

Un milione 57 mila e 858 copyright: in meno di quattro anni di vita (la società è nata nell'ottobre del 2008): BMG Rights Management, fresca di acquisizione della società francese Francis Dreyfus Music, si è costruita a tempo record un catalogo di tutto rispetto e una posizione di alto profilo nel settore del publishing musicale, sulla scia delle quattro major (che diventeranno tre, se verrà approvata la fusione tra Sony/ATV ed EMI Music Publishing) ma con una configurazione più versatile dal momento che la joint venture creata da Bertelsmann e KKR controlla anche numerosi master discografici.

"La crescita di BMG si è basata non solo su un chiaro programma finalizzato al raggiungimento di economie di scala, ma anche su una precisa filosofia a riguardo di ciò che dovrebbe essere una società musicale del 21mo secolo", spiega l'amministratore delegato Hartwig Masuch.  "La politica di acquisizione", aggiunge, "è una tattica necessaria per raggiungere certe dimensioni, ma non abbiamo mai creduto di doverla perseguire a qualunque prezzo e siamo orgogliosi di avere rinunciato ad accordi a nostro avviso troppo esosi" (EMI Publishing, appunto?). "In futuro ci saranno inevitabilmente altre acquisizioni", ha anticipato Masuch, "ma il nostro obiettivo si concentra sul far crescere il business in maniera organica, con la volontà di rispondere nel migliore dei modi ai bisogni dei nostri autori e artisti in ogni fase della loro carriera".
 

    Un milione 57 mila e 858 copyright: in meno di quattro anni di vita (la società è nata nell'ottobre del 2008): BMG Rights Management, fresca di acquisizione della società francese Francis Dreyfus Music, si è costruita a tempo record un catalogo di tutto rispetto e una posizione di alto profilo nel settore del publishing musicale, sulla scia delle quattro major (che diventeranno tre, se verrà approvata la fusione tra Sony/ATV ed EMI Music Publishing) ma con una configurazione più versatile dal momento che la joint venture creata da Bertelsmann e KKR controlla anche numerosi master discografici.

    "La crescita di BMG si è basata non solo su un chiaro programma finalizzato al raggiungimento di economie di scala, ma anche su una precisa filosofia a riguardo di ciò che dovrebbe essere una società musicale del 21mo secolo", spiega l'amministratore delegato Hartwig Masuch.  "La politica di acquisizione", aggiunge, "è una tattica necessaria per raggiungere certe dimensioni, ma non abbiamo mai creduto di doverla perseguire a qualunque prezzo e siamo orgogliosi di avere rinunciato ad accordi a nostro avviso troppo esosi" (EMI Publishing, appunto?). "In futuro ci saranno inevitabilmente altre acquisizioni", ha anticipato Masuch, "ma il nostro obiettivo si concentra sul far crescere il business in maniera organica, con la volontà di rispondere nel migliore dei modi ai bisogni dei nostri autori e artisti in ogni fase della loro carriera".
     

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.