Rinnovato il Comitato Direttivo della FIMI, Federazione Industria Musicale Italiana: il nuovo presidente è l’avvocato Alberto Pojaghi

FIMI, l’associazione di categoria che rappresenta oltre 90 aziende discografiche italiane, ha rinnovato i propri organi sociali, eleggendo presidente l’avvocato Alberto Pojaghi e rinnovando il Consiglio Direttivo, che ora è così formato: Franco Reali (BMG), Franco Cabrini (Sony), Roberto Magrini (RTI), Piero La Falce (Universal), Filippo Sugar (Insieme), Riccardo Clary (EMI-Virgin), Massimo Giuliano (Warner), Paolo Franchini (Edel), Mario Limongelli (N.A.R.), Luigi Di Prisco (Dig-it International), Tonino Verona (Ala Bianca), Alvaro Ugolini (Energy).
L’elezione dell’avvocato Pojaghi, precisa un comunicato ufficiale, «conclude il processo di rinnovamento dell’associazione che ha modificato il proprio statuto in favore di una maggiore rappresentatività per la piccola e media industria».
Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.