Concerti, Milano Arena Music: colpo di scena, nasce 'City Sound' all'Ippodromo

Concerti, Milano Arena Music: colpo di scena, nasce 'City Sound' all'Ippodromo

Ennesimo sviluppo a sopresa nella travagliata vicenda del Milano Arena Music, festival (ideale successore del Milano Jazzin Festival) in programma all'arena civica intitolata a Gianni Brera, nel centro del capoluogo milanese, nel corso dei prossimi mesi di giugno e luglio: oggi la FourOne, società guidata da Vittorio Quattrone in corsa, insieme alla NetService, al bando di gara indetto dal Comune per l'organizzazione del festival - conclusosi con una sospensiva emanata da TAR che ha di fatto annullato l'assegnazione della gara alla società di Eric Galiani - ha annunciato la nascita di una nuova manifestazione, battezzata City Sound - che si svolgerà all'Ippodromo del Galoppo, nel quartiere di San Siro.

"Il Comune non ha mai risposto alla pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale", ci ha spiegato lo stesso Quattrone: "Quindi ci siamo trovati un altro posto, sempre a Milano, per fare un altro festival". Riguardo al cast, che in ogni modo verrà ufficializzato tra poche nella mattinata di domani, è praticamente certa la presenza di buona parte degli artisti in origine predestinati ad esibirsi presso il Milano Arena Music: "Con i promoter coi quali avevo stretto accordi per la manifestazione che avremmo organizzato col Comune abbiamo trovato delle soluzioni: alla conferenza stampa di domani, alla quale sarà presente anche l'avvocato della FourOne, ci saranno anche Bruno Chiodi (di Amici Miei, promoter italiano dei Gipsy Kings, in orgine programmati all'Arena per il 5 luglio, ndr), Roberto De Luca e Andrea Pieroni (per Live Nation, promoter italiani di Cranberries, programmati in origine all'Arena per il 4 luglio, Manzarek & Krieger, l'8, Sergio Mendes, il 9, M.I.A., il 10, Marilyn Manson, l'11, B.B. King, il 12, Alanis Morissette, il 18, Beach Boys, il 27, e Alice Cooper, il 30, ndr) e Corrado Rizzotto (di Vivo Concerti, promoter italiano per Stone Roses, programmati in origine all'Arena per il 17 luglio, Kasabian, il 19, e Subsonica, il 20, ndr). Annunceremo anche altri nomi, che verranno ufficializzati insieme al cartellone definitivo nel corso della conferenza di domani".

Visti gli impegni internazionali degli artisti coinvolti nella migrazione, è facile che il calendario delle esibizioni non subisca cambiamenti radicali. In ogni caso, assicura Quattrone, i biglietti già acquistati in prevendita per gli spettacoli inizialmente programmati presso l'Arena Civica resteranno validi anche per quelli che verranno spostati all'Ippodromo: "Per quanto riguarda i biglietti non ci sarà nessun problema", è la rassicurazione di FourOne, "Non solo rimarranno validi, ma verranno rispettati anche gli ordini di posto previsti per la location originale".

A stretto giro dall'annuncio, da parte di FourOne, di voler organizzare un progetto in proprio abbandonando Palazzo Marino come interlocutore, è giunto in redazione un comunicato firmato da NetService, dove la società guidata da Eric Galiani fa sapere di voler rinunciare ad un eventuale ricorso al Consiglio di Stato: "In accordo col Comune di Milano, con la direzione artistica e lo staff del progetto MAMA, preso atto della pronuncia del Tar e della sospensiva della nostra aggiudica, non riteniamo opportuno procedere con ricorso al Consiglio di Stato che aprirebbe scenari ancora più intricati e macchinosi ma preferiamo fare volontariamente un passo indietro per tutelare la fattibilità di una rassegna estiva all'Arena Civica".

Mossa, questa, apprezzata dall'assessore Boeri: “Prendo atto della nota inviataci oggi pomeriggio da Net Service srl che ci comunica di voler fare 'volontariamente un passo indietro per tutelare la fattibilità della Rassegna estiva all'Arena Civica' di Milano. Apprezzo il senso di responsabilità di chi, pur avendo vinto una gara pubblica e avendo dimostrato affidabilità e competenza, sceglie di evitare che una sequenza di ricorsi legali comprometta l'effettivo svolgimento del festival all'Arena, il cui inizio è previsto per i primi di Luglio. In conseguenza al passo indietro di Net Service, l’organizzazione del Festival sarà affidata al secondo classificato."

Due ore dopo il comunicato di NetService ed il commento di Stefano Boeri, è arrivata la replica di FourOne, che non sembra avere nessuna intenzione di tornare sui propri passi: "Il passo indietro di Netservice, a questo punto della vicenda, non era necessario per assegnare il bando a FourOne, in quanto la stessa Netservice è già stata dichiarata concorrente inaffidabile nella gara indetta dal comune a seguito del giudizio espresso dal Tar venerdì scorso, al contrario di quel che sostenuto dall’Assessore Stefano Boeri. Rimango in attesa di ricevere gli eventuali atti formali da parte del Comune di Milano, che ovviamente non sono ancora pervenuti".  

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.