Sean Parker (Spotify): 'Il debutto tardivo in America? C'entra anche la Apple'

Sean Parker (Spotify): 'Il debutto tardivo in America? C'entra anche la Apple'

Perché Spotify ha atteso così tanto (il debutto oltreoceano è avvenuto soltanto nel luglio del 2011, quasi tre anni dopo il lancio iniziale) per fare il suo ingresso sul mercato statunitense? Secondo Sean Parker, che della società svedese è azionista, un ruolo di interdizione lo avrebbero giocato anche Apple e iTunes: gli uomini di Cupertino  avrebbero cercato di mettersi in mezzo sentendosi minacciati dalla concorrenza della piattaforma di streaming creata dallo svedese Daniel Ek.


Parker ha fatto la sua rivelazione durante una conferenza organizzata in California dalla pubblicazione online All Things D, citando come prova alcune e-mail da lui ricevute e che lo informavano della situazione, ma senza fornire dettagli o accuse più circostanziate. "D'altra parte", ha osservato l'imprenditore americano, "la musica rappresenta tuttora una piccola parte del business complessivo di Apple, e dunque la nostra presenza non poteva incidere in misura enorme sui suoi bilanci".  



Richiesto di un commento sullo stato dei rapporti con l'industria musicale, Parker (nell'occasione affiancato da Ek) ha spiegato che la situazione è migliorata "perché a dirigere le case discografiche oggi è un nuovo gruppo di uomini e donne dalla mentalità più progressiva e convinto della necessità di abbracciare le nuove tecnologie". Ek ha invece precisato il suo punto di vista a proposito dell'attteggiamento degli artisti che (come i Black Keys o Tom Waits) non hanno ancora concesso alla piattaforma i diritti di diffusione del loro repertorio: i pagamenti, ha sostenuto il fondatore di Spotify, sono infinitesimali ma non vanno paragonati a quelli generati dalle vendite di cd o di download perché i modelli di business sono differenti; le royalty che finiscono in tasca agli artisti, ha aggiunto, dipendono dalle case discografiche.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.