Carmen Consoli: ‘Il concerto di Taormina? Una decisione incosciente’

Carmen Consoli: ‘Il concerto di Taormina? Una decisione incosciente’
Il 16 novembre sarà disponibile nei negozi ‘L’anfiteatro e la bambina impertinente’, documentazione del concerto tenuto da Carmen Consoli il 15 luglio al Teatro Greco di Taormina, con l’accompagnamento dell’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, diretta dal maestro Paolo Buonvino. “Il progetto è nato come una decisione incosciente, dopo il tour acustico nei teatri che ci ha portato a elaborare sia tecnicamente che armonicamente le mie canzoni, con archi e atmosfere rarefatte, un po’ da camera”, ha spiegato la cantante catanese. Il progetto ha richiesto un periodo piuttosto lungo di preparazione: “Sei mesi di lavoro, di viaggi continui: ho studiato musica classica perché dovevamo in qualche modo entrare nel linguaggio dei musicisti classici”. Il titolo traduce fedelmente la sensazione dell’artista di fronte all’orchestra: “Quando ho sentito il muro di suoni degli strumenti classici mi sono sentita la bambina impertinente in mezzo ai maestri. In tutto questo spettacolo ti aspetti ci si aspetta la Callas, invece arriva la Consoli. Quindi non ho potuto fare altro che definirmi così”. Oltre a documentare l’esibizione, l’album dal vivo ha la funzione di “ponte” fra il fortunato “Stato di necessità” e il nuovo lavoro in studio di Carmen: “E’ un punto di passaggio per avvicinarsi a sonorità distanti da quelle del mio passato, per portare in maniera coerente al mio prossimo album che è già scritto per tre quarti”.
La svolta orchestrale ha portato a guardare a fonti di ispirazione diverse dal solito. “Invece di rifarci a Hole o Breeders, abbiamo preso come riferimento la musica brasiliana e quella di Burt Bacharach, cose un po’ più soft”, ha dichiarato la Consoli. Anche la strategia di promozione per supportare l’uscita dell’album non seguirà canoni consueti. Sono previsti infatti solo due concerti, sempre con l’orchestra, in luoghi diametralmente opposti come l’Accademia Santa Cecilia di Roma (dove Carmen si esibirà il 28 novembre) e il Centro sociale Leoncavallo di Milano (che ospiterà lo spettacolo il 1° dicembre). Una scelta non casuale: “Mi piace il contrasto fra i due posti e pensare che la mia musica non abbia etichette né confini, solo due opposti che mi appartengono”. Contemporaneamente al disco dal vivo, esce il libro “Carmen Consoli. Quello che sento”, scritto da Federico Guglielmi e pubblicato da Giunti. Si tratta della biografia ufficiale della cantante, realizzata sulla base di moltissime interviste dal 1997 a oggi. Un’iniziativa editoriale che la protagonista commenta così: “Mi sento un po’ egocentrica, ma inconsapevolmente, perché il libro ha avuto tre anni di gestazione e Guglielmi ha pensato di farlo uscire adesso”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.