Google, i discografici inglesi chiedono la rimozione di 160 mila URL pirata

La nuova politica di "trasparenza" adottata da Google rivela che attualmente l'industria discografica inglese (rappresentata dalla British Phonographic Industry) è seconda  solo a Microsoft nella richiesta di rimozione dal suo motore di ricerca di indirizzi Internet (URL) che rimandano a contenuti pubblicati in violazione dei copyright.

Le statistiche diffuse dalla società di Mountain View e relative al mese in corso (aggiornate a ieri, 24 maggio) informano che la BPI ha richiesto la cancellazione di ben 162.721 URL relativi a contenuti musicali appartenenti ai suoi associati: la cifra, secondo quanto riferisce la stessa Google, si inserisce in un contesto di 1,2 milioni di richieste di rimozione avanzate da 1000 titolari di diritti e riguardanti 24 mila siti diversi.

Non tutte le richieste vengono soddisfatte, spiegano in un blog i portavoce della Web company sostenendo che in alcuni casi le domande risultano essere erronee, ingiustificate o dettate da tentativi di limitare la libertà di espressione.  "Non vogliamo che i risultati delle nostre ricerche dirigano il pubblico verso materiali che infrangono le leggi sul copyright", precisano subito dopo; "di conseguenza, abbiamo sempre risposto alle richieste che si conformano ai principi stabiliti dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA)".

Google, che finora si è rifiutata di includere i siti segnalati dai titolari dei diritti in una lista nera o di impedirne a priori l'accesso, resta fedele al suo credo: "Crediamo che il processo ben sperimentato del 'notice-and-takedown' garantisca il giusto equilibrio tra i bisogni dei titolari dei copyright, gli interessi degli utenti e i nostri sforzi di creare con Google Search un'esperienza utile al pubblico".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.