File-sharing, MusicCity contro le major: 'Pensano solo ai loro interessi'

File-sharing, MusicCity contro le major: 'Pensano solo ai loro interessi'
Le major del cinema e del settore musicale limitano l’innovazione tecnologica per preservare i loro interessi commerciali. Lo sostengono i legali di MusicCity, uno dei più popolari servizi di “file sharing” emersi in rete dopo il blocco giudiziario di Napster (vedi news), che dell’industria discografica e cinematografica americana è diventato uno dei principali bersagli in tribunale.
Gli avvocati della società, che gestisce una delle più diffuse applicazioni del software FastTrack (Morpheus, vedi news), paragonano l’atteggiamento corrente dell’industria a quello che i produttori cinematografici assunsero negli anni ’70 nei confronti dei produttori di videoregistratori bollandoli come fuorilegge. Il mese scorso (vedi news), MusicCity è stata infatti citata in giudizio dalle maggiori case discografiche e cinematografiche americane con l’imputazione di favorire, tramite il suo programma di “file sharing”, la violazione di copyright esclusivi protetti dalla legge sul diritto d’autore.
I legali della società replicano invece che la loro assistita non può essere ritenuta responsabile per il comportamento adottato da alcuni dei suoi utenti e che, proprio come accadde con i videoregistratori, il “file sharing” in rete potrebbe alla lunga trasformarsi in un importante strumento di guadagno per l’industria dell’intrattenimento. “Bisogna lasciare che una tecnologia sbocci, per poterne valutare le virtù e i contributi alla società”, ha detto il legale di MusicCity Andrew P. Bridges intervenendo ad una conferenza sui sistemi di “file sharing” organizzata a Washington nella giornata di martedì 6 novembre. Questi ultimi, secondo un sondaggio appena diffuso dall’ente di ricerca Webnoize, continuano ad attrarre un numero sempre più elevato di utenti Internet negli Stati Uniti, apprestandosi a superare i picchi di traffico registrati da Napster quando la società di Shawn Fanning era all’apice della sua popolarità, all’inizio dell’anno. Come altri programmi analoghi basati sul software FastTrack e a differenza di Napster, il programma Morpheus di MusicCity consente di scambiare in rete non solo musica ma anche file video e software informatico.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.