Tafferugli al concerto di Jay-Z a Londra, due arresti

Tafferugli al concerto di Jay-Z a Londra, due arresti
Incidenti, con tafferugli e tentativi di sfondamento culminati con due arresti, lunedì sera (5 novembre) a Londra per il concerto di Jay-Z. Centinaia di persone, rimaste senza biglietto davanti al “Po Na Na” nella zona di Hammersmith, ed impazienti di gustarsi il rapper, hanno iniziato a spingere verso le transenne. Attorno alle 23.30, secondo un testimone, qualcuno ha avuto la brillante idea di far esplodere un paio di petardi. Strilli e spintoni. A mezzanotte, con l’inizio del concerto, le porte d’accesso sono state sbarrate e la gente si è messa a gridare. Alcuni fan del musicista, arrabbiati, hanno cercato di sfondare il portone. Quando la polizia è arrivata sul posto ha tratto in arresto due facinorosi, uno per scasso e l’altro per reati d’ordine pubblico. Jay-Z ha cantato solo per un’ora, poi ha preferito andarsene.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.