Inchiesta Grandi Eventi, indagato anche il direttore generale SIAE Blandini

Inchiesta Grandi Eventi, indagato anche il direttore generale SIAE Blandini

Il direttore generale della SIAE Gaetano Blandini è stato iscritto nel registro degli indagati in relazione all'inchiesta sugli appalti per le opere pubbliche realizzate in occasione dei cosiddetti Grandi Eventi: il top manager della società degli autori, che all'epoca dei fatti contestati era a capo della direzione generale per il Cinema presso il Ministero dei Beni Culturali, è accusato di concorso in corruzione.


Nel decreto con cui il Gip Antonello Minunni ha disposto il sequestro da parte della Guardia di Finanza di beni appartenenti ad Angelo Balducci e Diego Anemone  per un valore complessivo di 16 milioni di euro si sostiene che Blandini  abbia "concesso o fatto concedere, in virtù della carica ricoperta, ripetuti finanziamenti pubblici per 1,8 milioni di euro in favore di società di produzione cinematografica per la realizzazione di film interpretati da Lorenzo Balducci, figlio di Angelo" (cinque, per l'esattezza, realizzati tra il 2005 e il 2009). In contropartita, e per intercessione dello stesso Balducci, imprese di fiducia di Anemone avrebbero provveduto ai lavori di ristrutturazione della sua abitazione, mentre a sua moglie sarebbe stata ceduta un'autovettura a prezzo di favore.  


Blandini, cui le Fiamme Gialle hanno sequestrato un conto corrente del valore di 9.000 euro, ha reagito all'imputazione dichiarandosi "profondamente amareggiato, ma profondamente sereno".
 
   

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.