Il patron dei Grammy condannato per molestie sessuali

Il patron dei Grammy condannato per molestie sessuali
Michael Greene, il "patron" dei Grammy Awards, è stato a condannato da un tribunale californiano a pagare un'ammenda dell'importo di 650.000 dollari (più di un miliardo e mezzo di lire) per molestie sessuali ai danni di una sua dipendente. L'uomo di punta della National Academy of Recording Arts and Sciences sarebbe stato deferito alla corte da Jill Marie Geiger, responsabile dell'ufficio addetto alle risorse umane della N.A.R.A.S.: la donna, che avrebbe avuto una relazione sentimentale con Greene, non avrebbe gradito le avances che il suo partner le avrebbe fatto sul posto di lavoro. Pare infatti che Greene, in veste più di capo che di fidanzato, l'abbia costretta (energicamente, secondo i legali della Geiger) ad acrobatici amplessi nei bagni degli uffici e in un parcheggio sotterraneo. Il fatto che lo scorso luglio, subito dopo il deposito della denuncia, l'assetto organizzativo dell'ufficio nel quale lavorava la Geiger sia improvvisamente cambiato non ha fatto altro che peggiorare le cose per Greene.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.