I Counting Crows regalano musica su BitTorrent: 'E' la nuova radio'

I Counting Crows regalano musica su BitTorrent: 'E' la nuova radio'
Credits: Mark Seliger

Non sono i primi, a farsi promozione su BitTorrent, ma finora sicuramente i più famosi: liberi da vincoli contrattuali (l'ultimo disco se lo sono pubblicati da soli), i Counting Crows hanno reso disponibili sulla celebre e controversa piattaforma peer-to-peer quattro brani dal nuovo album di cover "Underwater sunshine (Or what we did on our summer vacation)" - "Untitled (Love song)", "Like teenage gravity", "Hospital" e "Meet on the ledge" - all'interno di un "pacchetto" (il cosiddetto bundle ) che include anche note di copertina e riproduzione ad alta risoluzione della grafica.

Attraverso lo uTorrent client, i brani potranno così raggiungere un pubblico potenziale di 150 milioni di utenti. "Se così stanno le cose, allora questa è la nuova radio", ha spiegato a TorrentFreak il leader del gruppo Adam Duritz. "Anzi, un'emittente migliore delle altre, perché la gente ha la possibilità di scegliere quanto ascoltarla e quando smettere. Non capisco perché non lo facciano tutti. Per me è una cosa scontata, e ora che siamo diventati una band indipendente non dobbiamo più stare a sentire un branco di idioti che ci dicono cosa dobbiamo e cosa non dobbiamo fare. Possiamo rivolgerci a gente intelligente, oppure fidarci di noi stessi".

"E' da tanto tempo che propongo di regalare canzoni", ha spiegato Duritz ricordando che la band ha sempre incoraggiato il pubblico a registrare i concerti e ha iniziato a postare musica gratuita sui forum Internet già nel 1995. "A casa ho una parete intera di bootleg: non nostri, ma di altre band", confessa il vocalist a TorrentFreak. "Dunque sarebbe un po' ipocrita se adesso cominciassi ad arrabbiarmi con qualcun altro. Regalare canzoni porterà il nuovo disco all'attenzione di più persone e attirerà più spettatori nel tour che stiamo per iniziare. Ed è quello che un artista desidera, portare la sua musica a più persone possibili".

BitTorrent, sottolinea, è alleato giusto per questa strategia: "Puoi considerarlo semplicemente come un succhia soldi, come fanno le case discografiche. Oppure per quello che è, un canale che funziona a doppio senso. Puoi lamentartene o decidere di usarlo. Il file-sharing non è diverso dal resto di Internet, è uno strumento che connette il mondo intero. E' la cura per Babele".

Non stupisce, a questo punto, che i Counting Crows non provino alcuna nostalgia per il vecchio modello di business: "L'industria discografica non è mai stata un gran affare per le band: anzi, al 99 per cento è sempre stata un fallimento. Anche se vendevi bene, le etichette ti prendevano l'80 per cento dell'incasso e ti bloccavano i diritti. Oltre a essere completamente incompetenti. Su Internet, invece, i gruppi indipendenti possono sopravvivere. Magari senza diventare megastar, ma possono guadagnarsi da vivere. E sul Web oggi si trova un sacco di buona musica. Credo nel futuro del music business, non in quello delle case discografiche".  
 

    Non sono i primi, a farsi promozione su BitTorrent, ma finora sicuramente i più famosi: liberi da vincoli contrattuali (l'ultimo disco se lo sono pubblicati da soli), i Counting Crows hanno reso disponibili sulla celebre e controversa piattaforma peer-to-peer quattro brani dal nuovo album di cover "Underwater sunshine (Or what we did on our summer vacation)" - "Untitled (Love song)", "Like teenage gravity", "Hospital" e "Meet on the ledge" - all'interno di un "pacchetto" (il cosiddetto bundle ) che include anche note di copertina e riproduzione ad alta risoluzione della grafica.

    Attraverso lo uTorrent client, i brani potranno così raggiungere un pubblico potenziale di 150 milioni di utenti. "Se così stanno le cose, allora questa è la nuova radio", ha spiegato a TorrentFreak il leader del gruppo Adam Duritz. "Anzi, un'emittente migliore delle altre, perché la gente ha la possibilità di scegliere quanto ascoltarla e quando smettere. Non capisco perché non lo facciano tutti. Per me è una cosa scontata, e ora che siamo diventati una band indipendente non dobbiamo più stare a sentire un branco di idioti che ci dicono cosa dobbiamo e cosa non dobbiamo fare. Possiamo rivolgerci a gente intelligente, oppure fidarci di noi stessi".

    "E' da tanto tempo che propongo di regalare canzoni", ha spiegato Duritz ricordando che la band ha sempre incoraggiato il pubblico a registrare i concerti e ha iniziato a postare musica gratuita sui forum Internet già nel 1995. "A casa ho una parete intera di bootleg: non nostri, ma di altre band", confessa il vocalist a TorrentFreak. "Dunque sarebbe un po' ipocrita se adesso cominciassi ad arrabbiarmi con qualcun altro. Regalare canzoni porterà il nuovo disco all'attenzione di più persone e attirerà più spettatori nel tour che stiamo per iniziare. Ed è quello che un artista desidera, portare la sua musica a più persone possibili".

    BitTorrent, sottolinea, è alleato giusto per questa strategia: "Puoi considerarlo semplicemente come un succhia soldi, come fanno le case discografiche. Oppure per quello che è, un canale che funziona a doppio senso. Puoi lamentartene o decidere di usarlo. Il file-sharing non è diverso dal resto di Internet, è uno strumento che connette il mondo intero. E' la cura per Babele".

    Non stupisce, a questo punto, che i Counting Crows non provino alcuna nostalgia per il vecchio modello di business: "L'industria discografica non è mai stata un gran affare per le band: anzi, al 99 per cento è sempre stata un fallimento. Anche se vendevi bene, le etichette ti prendevano l'80 per cento dell'incasso e ti bloccavano i diritti. Oltre a essere completamente incompetenti. Su Internet, invece, i gruppi indipendenti possono sopravvivere. Magari senza diventare megastar, ma possono guadagnarsi da vivere. E sul Web oggi si trova un sacco di buona musica. Credo nel futuro del music business, non in quello delle case discografiche".  
     

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.