Lil Wayne si accorda per chiudere una causa

Lil Wayne ha scelto la via dell'accordo per la seconda volta in poco più di un mese. Il rapper ha preferito chiudere fuori dal tribunale la questione con il produttore David Kirkwood che lo accusava di non avergli pagato quanto dovuto per la canzone "Love me or hate me". L'uomo gli aveva fatto causa l'anno scorso chiedendo oltre 1.5 milioni di dollari per il suo contributo al fortunato album del 2008 di Wayne intitolato "Tha Carter III". Inizialmente l'artista ha negato ogni addebito, ma alla fine ha preferito non portarla per le lunghe e trovare un accordo economico con Kirkwood. Non è però nota la cifra esatta che Wayne ha sborsato per accontentare il querelante. Lo scorso aprile il rapper è stato protagonista di un'altra causa per 20 milioni di dollari del produttore Darius "Deezle" Harrison, responsabile di alcune canzoni dell'album "Tha Carter II" come la hit "Lollipop". Anche il quel caso Wayne ha respinto al mittente le accuse, ma poi si è accordato per una cifra non nota.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.