Emergenza pirateria, il parlamento ucraino promette una nuova legge

Identificata come la fonte principale dei CD pirata che circolano attualmente in Europa, l'Ucraina ha promesso di prendere provvedimenti urgenti per arginare il fenomeno e venire incontro alle pressioni crescenti esercitate dal governo americano e dalle altre nazioni dell’area occidentale industrializzata.

Il parlamento nazionale ucraino dovrebbe approvare in queste ore una nuova legge antipirateria che i rappresentanti del business musicale ritengono di cruciale importanza al fine di contrastare un’attività clandestina che, secondo le stime elaborate dalla federazione internazionale dei discografici IFPI, approvvigiona il mercato nero internazionale con decine di milioni di CD illegali ogni anno (molti dei quali, secondo i portavoce dell’organizzazione, difficilmente distinguibili dai prodotti originali).

Il governo di Kiev sembra avere preso seriamente la questione, anche perché all’introduzione ed applicazione tempestiva delle nuove norme a protezione dei copyright è legata la possibilità dell’Ucraina di entrare a far parte a pieno diritto dell’Unione Europea e del WTO, l’Organizzazione Mondiale per il Commercio.

La promulgazione della legge comporterebbe anche la cessazione delle ritorsioni commerciali intraprese dagli Stati Uniti, che nell’agosto scorso, venuta meno la promessa di intraprendere misure urgenti contro la pirateria musicale dopo una visita nel paese dell’allora presidente Bill Clinton, avevano revocato l’esenzione doganale ad alcuni prodotti importati dal paese dell’Est europeo. Lo stesso governo americano minaccia tra l’altro sanzioni economiche assai più gravi, comprese tariffe altissime sulle importazioni di acciaio e prodotti tessili, se l’amministrazione ucraina non porrà rapidamente rimedio alla situazione. Secondo i delegati IFPI della zona, la produzione di CD pirata è rallentata dallo scorso novembre, quando vennero sospese le licenze di produzione a quattro dei sei maggiori impianti di duplicazione ubicati nel paese, ma non tanto da insidiarne il poco invidiabile primato di centrale della pirateria musicale europea. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.