Steel Partners offre oltre 140 miliardi per rilevare Liquid Audio

Torna alla carica il principale azionista di Liquid Audio con un’offerta da 67,8 milioni di dollari (oltre 142 miliardi di lire) in contanti per acquistare la dissestata Web company americana e proteggere il valore residuo del suo investimento da quella che i suoi portavoce ritengono essere una cattiva gestione.

Steel Partners II, un fondo di investimento privato newyorkese che detiene poco più dell’8 % del capitale di Liquid Audio, già nel mese di settembre aveva invitato i vertici dell’azienda a mettere in vendita la società (vedi news): ed ora si è fatta avanti in prima persona, offrendosi di rilevare l’intero capitale a 3 dollari per azione, il 27 % in più della quotazione con cui il titolo ha chiuso le contrattazioni al Nasdaq lunedì scorso, 22 ottobre.

“Crediamo che nel business e nelle attività patrimoniali di Liquid Audio risieda un valore intrinseco per quanto rapidamente in diminuzione, a dispetto dei risultati operativi insoddisfacenti conseguiti dalla società e della flessione della sua quotazione in Borsa”, hanno scritto i dirigenti di Steel Partners in una lettera aperta inviata al management della società.

Il consiglio di amministrazione di Liquid Audio ha fatto tuttavia sapere di non avere ancora ricevuto la nota e di non volerla trattare per il momento come un’offerta formale. L’iniziativa di Steel Partners potrebbe anche entrare in diretto conflitto con i piani della società musicale on-line Musicmaker.com: quest’ultima, in joint venture con alcuni suoi dirigenti, ha già acquistato il 6,3 % delle azioni Liquid Audio (vedi news) con l’obiettivo di portare la quota al 25 % se l’assemblea degli azionisti cambierà il regolamento che non consente attualmente a nessun detentore di capitale di superare il tetto del 15 %. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.