‘The Blues Brothers’: al cinema per i 30 anni dalla scomparsa di Belushi

Il 20 e 21 giugno verrà proiettata in tutte le sale cinematografiche del Mondo la versione restaurata di “The Blues Brothers”, pellicola interpretata da John Belushi e Dan Aykroyd.

L’occasione per vedere i fratelli Jake ed Elwood Blues al cinema coincide con i trent’anni dalla scomparsa di Belushi, morto a causa di un mix di alcool e droga nel 1982. Tanti gli artisti che hanno preso parte al film: James Brown (il reverendo Cleophus), Ray Charles (il proprietario del negozio di strumenti), Aretha Franklin, Matt Murphy, SteveCropper, Tom Malone, Lou Marini, John Lee Hooker, Twiggy Lawson, Carrie Fisher e persino Steven Spielberg nel ruolo dell’impiegato delle imposte. Il film, prodotto dalla Universal Picture, che quest’anno festeggia i suoi cento anni, sarà disponibile nelle sale presenti nella lista a .questo indirizzo. John Belushi e Dan Aykroyd, attori e cabarettisti in forza al Saturday Night Live, ma prima ancora innamorati senza speranza del blues e delle sue atmosfere, danno vita alla band dei Blues Brothers del 1977. Partiti quasi per scherzo, i Blues Brothers di Jake & Elwood (i nomi di battaglia che i due si sono scelti per tenere fede a dei personaggi) finiscono per diventare uno dei più importanti successi commerciali in circolazione, rivitalizzando un genere un po’ in flessione come il blues.




Nel 1978 il gruppo pubblica il suo primo album, “Briefcase full of blues”, registrato dal vivo nel corso di un tour a fianco del comico Steve Martin; il disco offre una strepitosa cover dell’hit di Sam & Dave "Soul man", che entra nella top ten, e mette in mostra tutta la bravura della band di stelle che accompagna i due, con musicisti come Steve Crooper, Matt "guitar" Murphy, Donald "Duck" Dunn e Tom Scott.

Il successo esplode addirittura nel 1980 con il film “The Blues Brothers”, che offre una colonna sonora capolavoro, mentre è dello stesso anno un altro live, questa volta intitolato “Made in America”. Nel 1981 esce “The best of the Blues Brothers”, un’antologia con inediti, ma l’anno successivo John Belushi muore per overdose. Il gruppo nel 1998 si riforma per il sequel del film, "Blues Brothers 2000", e a fasi alterne animato ancora dallo stesso Dan Aykroyd, contina a vivacchiare negli anni successivi, finendo anche per fare qualche tour nostalgico in giro per il mondo. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.