Musica digitale, MP3tunes in bancarotta: 'Colpa delle cause con le major'

Osteggiato dall'industria discografica fin da quando, nel 1997, fu con i servizi MP3.com e MyMP3com il pioniere dei "digital lockers" che consentivano di trasferire su Internet la propria collezione di cd per l'ascolto in streaming, Michael Robertson annuncia di avere presentato istanza di fallimento per il servizio cloud-based  MP3tunes presso il tribunale di San Diego (California).  


"Quattro anni e mezzo di spese legali e non siamo neanche arrivati alla fine del  processo", ha dichiarato a CNET il fondatore della società. "MP3tunes non aveva altra scelta che chiedere il fallimento. Questo è quel che fanno le case discografiche. Si impegnano in battaglie legali che durano degli anni e rendono la vita infernale alle società più piccole".


Secondo i documenti pubblicati online da un ex dipendente di Robertson, MP3tunes aveva asset patrimoniali per un valore di soli 7.754 dollari a fronte di debiti di oltre 2 milioni di dollari. Fondata da Robertson nel 2005, la Web company era in causa con la major discografica EMI dal 2007.  "Proprio la EMI", ha dichiarato a CNET l'imprenditore americano, "aveva contattato altre società chiedendo loro di negarci la loro collaborazione. Lo hanno fatto con i rivenditori, per esempio, proibendogli di intrattenere rapporti con noi".


Nell'agosto del 2011, con una sentenza che aveva fatto scalpore,  il tribunale federale di Manhattan (New York) aveva decretato la legalità di MP3tunes sulla base delle disposizioni contenute nel   DMCA
(Digital Millennium Copyright Act) americano, pur ritenendo Robertson responsabile per l'upload personale di materiale non autorizzato dai titolari dei diritti: la tesi era che, purché si conformasse alle notifiche di rimozione trasmesse dalle case discografiche, la società non potesse essere ritenuta responsabile per le violazioni di copyright commesse dai suoi utenti (cosiddetta clausola del "safe harbour"), anche perché non utilizzava la copia master originale dei brani musicali ma una riproduzione basata su un algoritmo standard di compressione dei dati.

Più o meno negli stessi giorni di agosto, Robertson aveva lanciato DAR.fm, da lui definito "un mix tra TiVO e IMDB per la radio": si tratta infatti di un servizio che consente di registrare e salvare sulla cloud programmi radiofonici.

 
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.