Musica & social, Facebook 'cancella' Grooveshark

Alla vigilia della attesissima IPO in Borsa, Facebook sembra avere sciolto ogni legame con Grooveshark, il motore di ricerca musicale/servizio di streaming in causa con tutte e quattro le major discografiche che ne contestano la distribuzione non autorizzata (e gratuita) dei loro cataloghi.


Il social network ha cancellato la pagina ufficiale e tutte le applicazioni relative a Grooveshark; i suoi utenti, inoltre, non possono più accedere  direttamente alla piattaforma di streaming, e le  playlist di quest'ultima non possono più essere condivise sulla timeline di Facebook (a meno di essere caricate manualmente).


In un blog postato sul sito alcuni giorni fa,  i portavoce della Web company fondata da Sam Tarantino hanno replicato di credere che le funzioni siano state "disabilitate per errrore. Siamo in contatto con Facebook per cercare di capire esattamente cosa stia succedendo, dunque speriamo di vedere presto risolto il problema".  
   
Il sito Evolver.fm rileva che Grooveshark è ancora connesso a Twitter, Last.fm e Google Plus;  le applicazioni mobili del servizio erano già state rimosse tanto da iTunes quanto da Google Play.

Oltre che alle major, Grooveshark risulta invisa anche alle etichette indipendenti: recentemente Jeff Price, amministratore delegato della impresa di distribuzione digitale TuneCore, l'ha accusata di rubare denaro agli artisti. La società replica alle accuse dell'industria discografica appellandosi alle disposizioni del Digital Millennium Copyright Act (DMCA) che garantiscono un ombrello protettivo agli Internet provider, imponendogli semplicemente di rimuovere - una volta ricevuta apposita notifica dagli aventi diritto - i file caricati dagli utenti in violazione delle leggi sul copyright.

 
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.