DeProducers: Cosma, Maroccolo, Casacci e Sinigallia e l'astronomia. Il video

DeProducers: Cosma, Maroccolo, Casacci e Sinigallia e l'astronomia. Il video

Quattro produttori, quattro nomi storici del rock italiano, e un astrofisico come frontman: può sembrare un progetto strano, quello dei DeProducers. Ovvero Vittorio Cosma, Gianni Marocollo, Max Casacci, Riccardo Sinigallia: “Planetario” esce domani, 8 maggio, ed è un disco di “musiche per conferenze scientifiche” dedicato all’astronomia.

 

La voce narrante, il frontman, è Fabio Peri, "Conservatore" (ovvero direttore) del Planetario di Milano, storica struttura nel Parco di Porta Venezia in cui si tengono conferenze mentre su una volta vengono proiettati il cielo, le stelle, le costellazioni. A Peri è affidato il compito di narrare la storia delle stelle nelle 8 tracce del disco, che vanno dalla nascita dell’universo in “Planetario”, al viaggio della luce in “Travelling” (di cui potete vedere un estratto nella nostra videointervista), alle costellazioni, alla ricerca di altre forme di vita, alla nascita delle stelle, alla Stazione Spaziale Internazionale.



Contenuto non disponibile


Il progetto ha avuto una lunga gestazione: l’idea originaria è di Vittorio Cosma, già membro della PFM, che ha radunato attorno a sé produttori diversi per estrazione ma uguali per importanza e originalità della propria impronta sonora. Il progetto è stato presentato l’anno scorso con una conferenza-concerto al Planetario di Milano, e arriva alla fine anche su CD, con una confezione d’altri tempi, un bellissimo packaging in cui ad ogni brano è associato un’infografica con i dati - rigorosamente scientifici - citati nei brani.
“Dopo avere suonato insieme come dei sedicenni, ci siamo posti il problema della parte testuale. E volevamo partire da un dato oggettivo, da una sorta di neo illuminismo; la scienza ci è sembrata la cosa più importante. Abbiamo scelto l’astrofisica, è la prima cosa che ci è venuta in mente”, ci ha spiegato Cosma, “Noi musicisti amiamo confrontarci con l’infinito l’intangibile, e perchè ci ha sempre affascinato, fin dai tempi di ‘The dark side of the moon’ ”.
I quattro produttori sono concordi nello spiegare il loro ruolo di “manipolatori” musicali, visto che la circostanza li ha costretti ad uscire da loro seminato classico. Stesso discorso per Peri: “Nelle conferenze sono abituato a dare io il ritmo alla parola”, dice. “Qua ho dovuto fare un passo indietro, visto che c’era già un ritmo, e mettere la parola al servizio della musica e della comprensibilità e dell’ascoltatore, senza perdere il rigore scientifico”.


All’album hanno partecipato anche Howie B e Dodo Nikishi; comprende anche una canzone “tradizionale”, una cover di “Figli delle stelle” di Alan Sorrenti cantata da Sinigallia, il cui testo è assolutamente in linea con il contenuto del disco: perché è scientificamente vero che anche noi uomini deriviamo dalla stessa nata con il big bang, da cui hanno avuto origine anche le stelle. Chiude il tutto anche una versione strumentale (senza il parlato di Peri) di 4 brani. “Planetario” sarà anche uno spettacolo teatrale: per il momento c’è una data fissata a Modena il 19 maggio, con una in via di definizione a Milano tra qualche mese. Ma, soprattutto, ci spiega Cosma, DeProducers è un progetto che avrà altri volumi dedicati ad altri settori scientifici, come la botanica, l’energia e la robotica.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
19 ott
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.