Il ministro inglese Howells alla City: 'Finanziate l'industria musicale'

A dispetto dei risultati brillanti conseguiti nel primo semestre dell'anno (vendite in crescita del 10 %, vedi news), l'industria musicale britannica, soprattutto indipendente, continua a zoppicare tanto che persino i rappresentanti del governo si sentono in dovere di intervenire. Lo ha fatto in prima persona il ministro della Cultura del Gabinetto Blair Kim Howells, promotore di un appello lanciato agli investitori e ai finanzieri della City affinché mettano risorse a disposizione dei piccoli imprenditori che operano nel comparto musicale.
Le preoccupazioni di Howells nascono da uno studio sull'industria musicale britannica pubblicato dal dipartimento per la Cultura, i Media e lo Sport e da cui emergono, appunto, le difficoltà finanziare in cui versano molte aziende del settore. Howells ha sottolineato che l'industria musicale rappresenta una delle voci più significative dell'economia inglese sia sotto il profilo culturale che delle esportazioni. “La sua crescita è stata incredibilmente rapida”, ha detto il ministro, sottolineando che il settore assicura oltre 130 mila posto di lavoro, contribuisce con un giro d'affari di 3,2 miliardi di sterline (9 mila 900 miliardi di lire) all'economia del paese e incassa circa 1,3 miliardi di sterline (oltre 4 mila miliardi di lire) attraverso l'esportazione.
Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.