File sharing e 'risposta graduale', in UK slitta tutto al primo trimestre 2013

Slitta all'anno prossimo l'entrata in vigore nel Regno Unito del sistema di "risposta graduale" al file sharing, basato sul modello francese che prevede  avvertimenti ripetuti ai trasgressori di legge seguiti eventualmente da un blocco temporaneo della connessione Internet.


Le prime notifiche all'indirizzo di chi viola la legge sul copyright avrebbero dovuto partire quest'estate, ma ora il tutto è stato rimandato presumibilmente al primo trimestre del 2013. Lo ha spiegato, intervenendo qualche giorno fa a una conferenza della Creative Coalition Campaign, Paul Kirkman, un funzionario pubblico facente le veci del Ministro della Cultura, dei Media e dello Sport Ed Vaizey: "Le cose non stanno andando rapidamente come avremmo voluto", ha detto, "ma il fatto è che ancora pochi giorni fa  siamo stati chiamati a discutere in tribunale di una questione che è stata sottoposta all'esame dei giudici. E' questo procedimento a determinare il momento in cui potremo partire".  Kirkman ha anche assicurato che il governo ha voluto prendere tutte le misure appropriate affinché le nuove norme antipirateria non risultino in un eccesso di regolamentazione: anche questo, ha spiegato,  ha contribuito al ritardo sulla tabella di marcia.


La gestione operativa delle nuove norme introdotte nel Digital Economy Act e che comportano il coinvolgimento eventuale degli Internet Service Provider nelle azioni deterrenti indirizzate ai file sharer,  è affidata all'autorità delle comunicazioni Ofcom. Il Regno Unito è il terzo Paese al mondo a introdurre disposizioni di risposta "graduale" alla  pirateria dopo la Francia (pioniera in questo campo con la famosa legge Hadopi) e la Corea del Sud.
 

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.