Nasce Anontune, la piattaforma musicale svluppata dagli hacker di Anonymous

Nasce Anontune, la piattaforma musicale svluppata dagli hacker di Anonymous

Un gruppo di hacker legati al famoso gruppo Anonymous sta lavorando allo sviluppo di una piattaforma musicale di tipo "social", con l'obiettivo di fornire accesso, tramite un'unica  destinazione Internet, a  tutta la musica che circola in rete.


La presentazione del progetto è stata affidata a un videomessaggio postato su YouTube, in cui Anonymous sostiene che "la musica online è stata sabotata dall'avidità delle multinazionali",   interessate solo a "rubarvi la libertà e a salvaguardare i loro profitti".  
La risposta degli hacker è un servizio musicale battezzato Anontune che, spiegano, eviterà le trappole legali che hanno schiacciato imprese come LimeWire e Jam Glue: non una piattaforma di download o un sito di file hosting ma piuttosto qualcosa di simile a un sito di informazione musicale, a un torrent tracker o a un motore di ricerca.


 "Oggi  la gente usa come  music player  principalmente YouTube. Che pure, se usato per quello scopo, fa schifo. E' troppo disorganizzato", ha spiegato uno dei componenti del team di Anontune alla rivista Wired. "Inoltre, puoi anche avere un buon music player ma non puoi ascoltarci tutte le canzoni, dal momento che quelle più oscure e sconosciute non vengono caricate. A quel punto ci siamo detti: e se combinassimo in uno solo siti musicali come Myspace, Yahoo, YouTube e altri?".  
L'idea è di attingere  primariamente alla musica disponibile su YouTube e su Soundcloud ma anche a numerose altre fonti, legali (si parla di Myspace Music, Yahoo! Music, Bandcamp e altre piattaforme) e non autorizzate, per permettere a chi ascolta musica in rete di crearsi le proprie playlist e condividerle in piena libertà e senza vincoli.
 
Facile immaginare che, se andrà effettivamente in porto, il progetto verrà fortemente contrastato dall'industria discografica: "I proprietari dei contenuti", ha spiegato a Wired il legale della Electronic Frontier Foundation Corynne McSherry, "vogliono avere intorno gente con cui fare affari. E in questa situazione non c'è nessuno con cui prendere accordi". Anche perché ci sono precedenti e vecchie ruggini: quando il Dipartimento di Giustizia americano, il gennaio scorso, ha chiuso MegaUpload, proprio Anonymous ha reagito tempestivamente attaccando per rappresaglia il sito dello stesso ministero e quello della Recording Industry Association of America (RIAA).
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.